Cibo

Trovate microplastiche nel 90% del sale da cucina. Ecco cosa devi sapere.

sale-marino-inquinato-usariusaricicla
Scritto da Giovanni Giannese

Un nuovo studio ha esaminato il sale marino, il salgemma e il sale di lago venduti in tutto il mondo.

Grazie ad uno studio delle microplastiche erano già state trovate nel sale marino prodotto anni fa. Ma ancora non è davvero chiaro quanti frammenti di plastica fossero sparpagliati nel condimento più usato in assoluto. Ora una nuova ricerca dimostra che le microplastiche sono al 90% nel sale da tavola di tutto il mondo.

Di 39 marchi di sale testati, 36 avevano microplastiche al loro interno, secondo una nuova analisi condotta da ricercatori della Corea del Sud e di Greenpeace Asia orientale. Lo studio è stato condotto paragonando precedenti studi sul sale. Questo super test è il primo della sua portata a considerare la diffusione planetaria delle microplastiche nel sale da cucina e la loro correlazione con l’inquinamento nell’ambiente.

“I risultati suggeriscono che l’ingestione da parte degli esseri umani di microplastiche attraverso prodotti di origine marina è fortemente correlata alle vendita ed utilizzo di tali prodotti in una certa regione”, ha detto Seung-Kyu Kim, il professore di scienze marine presso l’Università Nazionale di Incheon in Corea del sud.

Sono stati analizzati i campioni di sale provenienti da 21 paesi in Europa, Nord e Sud America, Africa e Asia. I tre marchi che non contenevano microplastiche provengono da Taiwan (sale marino raffinato), Cina (sale grosso raffinato) e Francia (sale marino non raffinato prodotto dall’evaporazione solare). Lo studio è stato pubblicato questo mese sulla rivista Environmental Science & Technology.

Lo studio ha anche rivelato che la densità delle microplastiche presenti nel sale variava drasticamente tra i diversi marchi, ma quelli dei marchi asiatici erano particolarmente alti. Le maggiori quantità di microplastiche sono state trovate nel sale venduto in Indonesia. L’Asia è un punto caldo per l’inquinamento causato dalla plastica e l’Indonesia, con 54.720 km di costa, si è classificata in uno studio indipendente del 2015, il secondo peggiore Stato dal punto di vista dell’inquinamento a causa della plastica rispetto il resto del pianeta.

Un altro indicatore di questo studio porta alla luce il fatto che che a parità di inquinamento da plastica di un certo luogo, i livelli di microplastica erano più alti nel sale marino, seguiti dal sale del lago e poi dal salgemma.

Questo ultimo studio sul sale è il quinto redatto negli ultimi anni. Altri sono stati fatti in Spagna, Cina, Stati Uniti e da un gruppo di Francia, Gran Bretagna e Malesia.

Sherri Mason, professore alla State University di New York in Fredonia, che ha collaborato con ricercatori dell’Università del Minnesota in uno studio separato sul sale, ha detto in un’intervista che le nuove scoperte aggiungono “un altro tassello al puzzle” per valutare l’impatto delle microplastiche.

“Il fatto che abbiano trovato un numero maggiore in Asia è interessante. Anche se non è sorprendente, devo ancora avere i dati completi”, dice. “Gli studi precedenti hanno trovato tracce di microplastiche nei derivati del sale venduti in quei paesi, ma non abbiamo saputo quanto.”

Il nuovo studio, dice ancora Mason, “ci dimostra che le microplastiche sono onnipresenti. Non è una questione di dove stai comprando il sale, non sei al sicuro. “

È dannoso?
Il nuovo studio stima che l’adulto medio consuma circa 2.000 microplastiche all’anno attraverso il sale. Ciò significa che rimane un mistero.

Uno studio separato dell’Università di York in Gran Bretagna che ha cercato di valutare i rischi delle microplastiche per l’ambiente, ha concluso che non si sa abbastanza per determinare se le microplastiche causano danni.

La revisione di 320 studi esistenti ha rilevato “importanti lacune di conoscenza” nella comprensione scientifica dell’impatto delle microplastiche.
Alistair Boxall, un professore di geografia dell’Università di York e coautore di lo studio, ha detto in una dichiarazione che gli studi hanno esaminato diversi tipi di microplastiche, tra cui microsfere, frammenti e fibre, portando a una mancata corrispondenza di dati che rende i dati paragonabili come si paragonano “mele con pere”.

“Sulla base della nostra analisi continua Boxall, ci sono attualmente prove limitate per suggerire che le microplastiche stanno causando impatti negativi significativi”. “Vi è un urgente bisogno di una migliore qualità e di studi di monitoraggio più olistici insieme a studi di “causa/effetto” più ecologicamente realistici sulle dimensioni delle particelle e sui tipi di materiali effettivamente presenti nell’ambiente.”

Questo nuovo studio, finanziato dal Personal Care Products Council, un gruppo industriale del settore, è stato pubblicato sulla rivista Environmental Toxicology and Chemistry.

Boxall ha aggiunto che l’attenzione sulle microplastiche può distogliere l’attenzione dai problemi ambientali più inquinanti (e più facilmente identificabili), come ad esempio le particelle di piccole dimensioni rilasciate dai pneumatici delle auto che arrecano maggiori danni..

Giovanni Giannese

Giovanni Giannese lavora nel settore informatico, elabora testi per testate online per la passione dell’informazione a 360°. Ama aiutare gli altri con la sua conoscenza e con gli approfondimenti tematici. Ha scritto molte guide e testi in vari ambiti. L’argomento dell’ecologia è un filo rosso che lo accompagna in tutta la sua vita, portandolo ad approfondire i campi dell’energia alternativa, il riciclaggio dei materiali, l’uso consapevole degli imballaggi e tanto altro.

Ti sei iscritto con successo alla newsletter

Si è verificato un errore durante il tentativo di inviare la richiesta. Per favore riprova.

UsaRiusaRicicla utilizzerà le informazioni fornite in questo modulo per essere in contatto con voi e per fornire aggiornamenti e marketing.